Sono solo FAVOLETTE?

Quale era la vostra FAVOLA preferita?

Peter Pan mi aveva stregato…

Comunque, sapevate che la FAVOLA è un genere letterario antichissimo? Risaliamo addirittura agli Assiro-Babilonesi e ai Sumeri! Prima dell’invenzione della scrittura e della mitologia greca!

 

Se già nella notte dei tempi, la fantasia e la creatività degli esseri umani creava storie fantastiche, significa non solo che si sentiva il bisogno di sognare, immaginare, ma anche che quei racconti erano un potente trasmettitore di verità.


Le storie che si raccontano ai bambini vengono chiamate FAVOLE, ma anche FIABE, anche se:

FAVOLA = breve vicenda il cui fine è di far comprendere in modo facile una verità morale. I personaggi (animali, cose, persone…) sono realistici.

FIABA = storia, novella o commedia spesso di origine popolare, ricca di elementi fantastici. I personaggi (orchi, fate, folletti…) sono fantastici.

La differenza è sottile, fondamentalmente nella FIABA la morale è sottintesa e non centrale ai fini della narrazione.

Le storie per bambini sono dunque molto importanti e possono infondere:

  • sicurezza
  • ottimismo
  • fiducia
  • coraggio

L’educazione emotiva

 Nella realtà fiabesca accadono fatti straordinari:

gli animali parlano

gli oggetti si animano

si creano condizioni magiche

 

Grazie a tutto ciò le favole mostrano come gli ostacoli, con tenacia e perseveranza, possono essere superati.

E’ importante raccontare ai bambini anche gli aspetti spaventosi o comunque difficili delle favole: esiste il bene ma anche il male, e gli uomini a volte possono agire in modo aggressivo ed egoista.

personaggi negativi delle favole rappresentano simbolicamente le emozioni spiacevoli che il bambino può provare e le favole diventano il luogo simbolico in cui le può osservare e scaricare, acquisendo consapevolezza della complessità dei comportamenti umani.


L’adulto come coach e i neuroni a specchio

giphy

Quando si nasce, il cervello comincia a costruire reti neuronali in base alle esperienze. E qui entra in gioco il ruolo fondamentale dei genitori: da bravi coach, attraverso l’empatia, stabiliranno un contatto unico e speciale, come se tra loro e il bambino si attivassero le stesse reti neuronali. (Neuroni mirror)


Sviluppo del linguaggio 

giphy-1

Leggere per il vostro bambino, con calma, rispondendo alle sue domande, lo aiuterà ad arricchire in modo considerevole il suo linguaggio, aiutandolo  a distinguere il “giusto” dallo “sbagliato”. I primi anni di vita sono fondamentali per tanti diversi aspetti: emotivi, cognitivi, sociali.

Quindi…coraggio! Leggere una favola  non è mai una perdita di tempo ma un momento prezioso che ricorderà tutta la vita.


ananna.it

INDIA forever

Incensi misti a profumi non sempre identificabili, polvere, colori, e suoni di clacson brevi e nervosi. Il tutto in una luce sfavillante mentre si cammina schivando persone e animali.

Benvenuti in India!

holy-1195644_960_720

Chi arriva per la prima volta, ancora oggi, DEVE essere preparato ad un impatto forte. Tutto in India ti affascina. Anche i paradossi…

Non vi elencherò le tante cose da vedere (le troverete in tutte le guide), MA cercherò di trasmettervi la necessità di approcciarsi a questo tipo di viaggi con mente aperta, pronti a comprendere una filosofia di vita lontana da quella occidentale, rispettandone la diversità.

elephant-375_960_720

Sono molte le contraddizioni, d’altra parte hanno conosciuto e subito le dinastie e il colonialismo. In India si parlano 22 lingue ma , a parte nell’entroterra più estremo, ormai l’inglese è di uso comune. Come in tutto il mondo, anche qui l’evoluzione e il passare del tempo, hanno tolto un po’ di poesia, di avventura, di emozione…

Un colore tra tutti: arancione rosato

un profumo: ambrato

un sapore: piccante dolce acido amaro

e poi, luce. luce, luce. Luccichii nei sari, luccichii negli occhi di ossidiana nera, luccichii nella miriade di frammenti di specchi disseminati ovunque, il Diwali (il Festival delle luci)

Polvere, fango, profumi estremi, caos e gentilezza.

india-2507482_960_720

Lasciarsi andare come su un dondolo, lasciar passare il tempo, non subirlo, sentire la legge del karma, l’essenza della vita… e poi farsi un Afternoon tea! Rigorosamente con tramezzini ai cetrioli.

Vado…a presto.