Discrimination in Australia?

On the 15th of March 2023 our daughter with special needs, Benedetta Donagemma, will be forced to leave Australia and she will be separated permanently from her twin brother and siblings.


PLEASE SIGN THE PETITION!

LET’S HELP BENEDETTA TO REMAIN IN AUSTRALIA WITH HER FAMILY!
1678881514

  giorni

  ore  minuti  secondi

fino a

HELP BENEDETTA TO STAY WIYH HER FAMILY!


LET’s PROTECT OUR CHILDREN

Let’s help BENEDETTA


On the 15th of March 2023 our daughter with special needs, Benedetta Donagemma, will be forced to leave Australia and she will be separated permanently from her twin brother and siblings.

PLEASE!

Keep signing the petition!

1678834800

  giorni

  ore  minuti  secondi

fino a

the last minute!


We spend time on social media, we choose what we like…

And sometimes we forget about the important things


.


PLEASE KEEP Sign the petition
to HELP
BENEDETTA stay with her family

HELP BENEDETTA

Thank you!


Help my daughter Benedetta remain in

Australia after 17 years

On the 15th of March 2023 our daughter with special needs, Benedetta Donagemma, will be forced to leave Australia and she will be separated permanently from her twin brother and siblings.

Benedetta is a sweet girl. She has development delay, and is non-verbal, however she does not require any medical attention or treatment. Benedetta graduated (Y12) last December from Clarke Road School in Hornsby. Benedetta has excellent health and a good sense of humour. Her life depends on the connection to her twin brother Matteo and other siblings.

Australia is our home. My children belong to the Australian community and share its values. Andrea works as a Chef and teaches taekwondo, Chiara is an Australian synchronised ice skating representative & national champion, Matteo is studying astrophysics and Francesco is studying mechanical engineering.

Having exhausted all viable options to ask for a new visa, after 17 years, our daughter Benedetta, myself and my husband will be forced to leave Australia permanently. Benedetta and Matteo were born in the Netherlands and moved to Australia when they were 1 year old. We are originally from Italy, but Australia is our children’s home country. Benedetta can’t live separated from her twin brother and siblings; it will be incredibly devastating for her to be parted from them and we are desperate to keep our family together and protect our daughter Benedetta.

A child’s disability is not a reason to deport them from the only life they have ever known, but discrimination on the grounds of disability against a particular group of people is permissible in Australia, highlighting the inconsistency between Disability Discrimination Act and the Migration Act.

PROTEGGIAMO I NOSTRI BAMBINI

AIUTIAMO BENEDETTA


IL PROSSIMO15 MARZO 2023, BENEDETTA, una ragazzina di 17 anni che VIVE A SYDNEY da 17 anni con la sua famiglia, SARÁ OBBLIGATA A LASCIARE L’AUSTRALIA. NON LE VERRÁ RINNOVATO IL VISTO PER IL SUO HANDICAP!


FIRMATE LA PETIZIONE
per
AIUTARE BENEDETTA A RESTARE CON LA SUA FAMIGLIA

HELP BENEDETTA

aiutaci!

GRAZIE!


Help my daughter Benedetta remain in

Australia after 17 years

On the 15th of March 2023 our daughter with special needs, Benedetta Donagemma, will be forced to leave Australia and she will be separated permanently from her twin brother and siblings.

Benedetta is a sweet girl. She has development delay, and is non-verbal, however she does not require any medical attention or treatment. Benedetta graduated (Y12) last December from Clarke Road School in Hornsby. Benedetta has excellent health and a good sense of humour. Her life depends on the connection to her twin brother Matteo and other siblings.

Australia is our home. My children belong to the Australian community and share its values. Andrea works as a Chef and teaches taekwondo, Chiara is an Australian synchronised ice skating representative & national champion, Matteo is studying astrophysics and Francesco is studying mechanical engineering.

Having exhausted all viable options to ask for a new visa, after 17 years, our daughter Benedetta, myself and my husband will be forced to leave Australia permanently. Benedetta and Matteo were born in the Netherlands and moved to Australia when they were 1 year old. We are originally from Italy, but Australia is our children’s home country. Benedetta can’t live separated from her twin brother and siblings; it will be incredibly devastating for her to be parted from them and we are desperate to keep our family together and protect our daughter Benedetta.

A child’s disability is not a reason to deport them from the only life they have ever known, but discrimination on the grounds of disability against a particular group of people is permissible in Australia, highlighting the inconsistency between Disability Discrimination Act and the Migration Act.

L’ Amore al tempo del C-19

Questa non è una favola… per una volta ho voluto dedicare un libro ai più grandi.

La nostra vita è stata stravolta da questo virus e siamo stati costretti a rimodulare le nostre esistenze.

In questo libro “L’Amore al tempo del C-19” ho voluto esorcizzare con l’ironia, in 56 vignette accompagnate da aforismi sull’amore e sul tempo, gli attimi delle nostre giornate.

Anch’io come purtroppo tanti altri, troppi, ho subito la perdita della persona a me più cara nella vita per colpa del C-19. Ho arrancato per un anno, cercato la forza per alzarmi ogni mattina…

In due parole posso riassumere quello che ho imparato dalla vita: va avanti.

“L’ Amore al tempo del C-19” di Marcella Donagemma.

Questo libro è in vendita su AMAZON.it

Marcella

Sono solo FAVOLETTE?

Quale era la vostra FAVOLA preferita?

Peter Pan mi aveva stregato…

Comunque, sapevate che la FAVOLA è un genere letterario antichissimo? Risaliamo addirittura agli Assiro-Babilonesi e ai Sumeri! Prima dell’invenzione della scrittura e della mitologia greca!

 

Se già nella notte dei tempi, la fantasia e la creatività degli esseri umani creava storie fantastiche, significa non solo che si sentiva il bisogno di sognare, immaginare, ma anche che quei racconti erano un potente trasmettitore di verità.


Le storie che si raccontano ai bambini vengono chiamate FAVOLE, ma anche FIABE, anche se:

FAVOLA = breve vicenda il cui fine è di far comprendere in modo facile una verità morale. I personaggi (animali, cose, persone…) sono realistici.

FIABA = storia, novella o commedia spesso di origine popolare, ricca di elementi fantastici. I personaggi (orchi, fate, folletti…) sono fantastici.

La differenza è sottile, fondamentalmente nella FIABA la morale è sottintesa e non centrale ai fini della narrazione.

Le storie per bambini sono dunque molto importanti e possono infondere:

  • sicurezza
  • ottimismo
  • fiducia
  • coraggio

L’educazione emotiva

 Nella realtà fiabesca accadono fatti straordinari:

gli animali parlano

gli oggetti si animano

si creano condizioni magiche

 

Grazie a tutto ciò le favole mostrano come gli ostacoli, con tenacia e perseveranza, possono essere superati.

E’ importante raccontare ai bambini anche gli aspetti spaventosi o comunque difficili delle favole: esiste il bene ma anche il male, e gli uomini a volte possono agire in modo aggressivo ed egoista.

personaggi negativi delle favole rappresentano simbolicamente le emozioni spiacevoli che il bambino può provare e le favole diventano il luogo simbolico in cui le può osservare e scaricare, acquisendo consapevolezza della complessità dei comportamenti umani.


L’adulto come coach e i neuroni a specchio

giphy

Quando si nasce, il cervello comincia a costruire reti neuronali in base alle esperienze. E qui entra in gioco il ruolo fondamentale dei genitori: da bravi coach, attraverso l’empatia, stabiliranno un contatto unico e speciale, come se tra loro e il bambino si attivassero le stesse reti neuronali. (Neuroni mirror)


Sviluppo del linguaggio 

giphy-1

Leggere per il vostro bambino, con calma, rispondendo alle sue domande, lo aiuterà ad arricchire in modo considerevole il suo linguaggio, aiutandolo  a distinguere il “giusto” dallo “sbagliato”. I primi anni di vita sono fondamentali per tanti diversi aspetti: emotivi, cognitivi, sociali.

Quindi…coraggio! Leggere una favola  non è mai una perdita di tempo ma un momento prezioso che ricorderà tutta la vita.


ananna.it